Il Teorema di Pitagora

In ogni triangolo rettangolo il quadrato dell'ipotenusa è equivalente alla somma dei quadrati dei due cateti.
 
Consideriamo il triangolo rettangolo $ABC$ rettangolo in $\hat{C}$. Vogliamo dimostrare che la somma dei quadrati costruiti sui due cateti ($q(AC) + q(BC)$) è equivalente al quadrato costruito sull'ipotenusa $q(AB)$.
 

$$\bbox[#fd7b01,5px,border:2px solid #fd7b01]{\mbox{IPOTESI:}\quad\begin{array}{l} 1)\ ABC \ \mbox{ rettangolo in  } \ \hat{C} \end{array}\quad\Rightarrow\quad\mbox{TESI:}\quad\begin{array}{l} q(AC) + q(BC) \doteq q(AB) \end{array}}$$

 

teorema di pitagora

 

Conduciamo la perpendicolare $CH$ dal vertice $C$ all'ipotenusa $AB$ e prolunghiamola fino ad incontrare in $M$ il lato $NL$ del quadrato costruito sull'ipotenusa. 

Il segmento $HM$ divide in quadrato costruito sull'ipotenusa in due rettangoli che, per il primo Teorema di Euclide, risultano equivalenti ai rispettivi quadrati costruiti sui cateti: cioè $AHMN \doteq ACDE$ e $HBML \doteq BCGF$. Osservando, quindi, che la somma dei due rettangoli dà il quadrato costruito sull'ipotenusa, resta provato il teorema. 

Questo sito usa i cookies per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Prendi visione della privacy policy e clicca su "Accetta" per proseguire.